Home / Attualità / CAMPANIA: ALAIA, DAL PRESIDENTE BOCCIA RICONOSCIMENTO A LAVORO GOVERNO DE LUCA

CAMPANIA: ALAIA, DAL PRESIDENTE BOCCIA RICONOSCIMENTO A LAVORO GOVERNO DE LUCA

 “Il prodotto interno lordo della Campania cresce grazie alle politiche economiche del governo De Luca, che funzionano da acceleratore determinando risultati migliori rispetto al resto del Paese. Non si tratta di un’autocelebrazione, ma di una valutazione del Presidente di Confindustria, Boccia, sul lavoro del Governatore, della sua maggioranza e del Consiglio regionale. Un giudizio che fa giustizia dei tanti detrattori di professione, che hanno come unica attitudine quella di esprimere critiche, senza mai proporre soluzioni ai problemi della Campania”.  Lo afferma Enzo Alaia, consigliere regionale e vice presidente della Commissione sanità.
“L’ultimo rapporto Svimez – aggiunge Alaia – ha confermato un dato che stamani il Presidente Boccia ha voluto sottolineare: la Campania è cresciuta il 2,4%, cioè il doppio della Lombardia in termini percentuali. Un risultato – osserva il consigliere regionale – che non nasce dal caso, ma dai provvedimenti che la Giunta ha adottato in termini di sblocco dei fondi europei, di utilizzo proficuo delle risorse, di contributi alle imprese e di sostegno alle procedure di sburocratizzazione.”
“Come auspicato dal Presidente di Confindustria, ora occorre fare una valutazione pragmatica dei provvedimenti che hanno dato i risultati auspicati e sostenerli con ulteriore determinazione. Solo così – chiude Alaia – la Campania potrà lasciarsi definitivamente alle spalle la grave crisi economica che ha caratterizzato la scorsa legislatura.”

Circa Michela Attanasio

Michela Attanasio

Vedi Anche

SANITA’: ALAIA, SETTORE HA BISOGNO DI 4MILA UNITA’, BENE RICHIESTA DE LUCA A GOVERNO

“Il rilancio della sanità in Campania passa anche attraverso il rafforzamento della pianta organica, che ...

DIFFERENZIATA,SI ALLARGA LA RACCOLTA AUMENTANO I DISAGI

Decine di segnalazioni in redazione da perte di cittadini in confusione a causa della nuova ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *