BRAGLIA:”TURRIS SQUADRA SOLIDA. CRITICHE? CI STANNO, MA SIAMO TERZI. A COSENZA NESSUNO CI CREDEVA”

BRAGLIA:”TURRIS SQUADRA SOLIDA. CRITICHE? CI STANNO, MA SIAMO TERZI. A COSENZA NESSUNO CI CREDEVA”

22 Gennaio 2021 0 Di Michelangelo Freda

Giornata di conferenza stampa per mister Braglia che questa mattina ha presentato la gara contro la Turris, in programma domenica pomeriggio alle ore 17.30.

“Speriamo di finire bene la settimana senza problemi ai ragazzi. Loro stanno bene, lavorano e si impegnano, siamo obbligati a fare bene. Il secondo tempo con la Cavese? Abbiamo fatto. male, l’ho sempre detto che  abbiamo giocato solo 30. minuti domenica scorsa, lo sappiamo bene. Nella testa dei ragazzi a volte cambia l’atteggiamento a anche per via delle motivazioni. Adamo è stato adattato in quel ruolo per mancanza. di giocatori di reparto, vedi De Francesco e Errico. Carriero sta. recuperando la. condizione dato che finora si è solo allenato. per sei mesi. Stiamo recuperando anche Baraye per dare il massimo, si deve mettere a posto fisicamente.Di certo non posso chiedere di più ai ragazzi se la. condizione non è delle migliori, non vanno bruciati. Con il recupero di De Francesco abbiamo più scelte  a centrocampo.”

Maniero? “Mi aspetto il massimo. da. lui dato che finora non è s toto incisivo. come. ci aspettavamo. Deve. giocare sui nervi, sulle motivazioni. È un. giocherellone, ma. deve. assumersi delle responsabilità. Errico? Aspettiamo il salto del ragazzo a livello fisico.  Quando si tratta di rincorrere fa fatica in campo.  Per me. deve giocare dietro le punte. Purtroppo ha paura di farsi male dopo gli infortuni. Deve sbloccarsi.”

Turris? “Noi. abbiamo rispetto della Turris. Ho visto le loro partite fatte a Terni e Bari e posso dire che gioca bene di ripartenza. È una buona squadra messa anche bene in campo. La gara dell’andata?  Abbiamo perso due punti che abbiamo recuperato in altre gare dove non meriavamo di vincere.

Obiettivi? “Noi. siamo stati costruiti per raggiungere degli. obiettivi. Ci siamo impegnando e siamo in linea. Quando ero a Cosenza non di davano per vincenti,  anzi, poi vincemmo i playoff cambiando il modo di ragionare. Mi viene da ridere quando sento dire che vinciamo perchè quelli sono scarsi o perdiamo perchè non siamo adatti. Non si è mai contenti, ne prendiamo atto e cerchiamo di migliorare, ma gli obiettivi sono quelli e siamo in linea. Secondo posto?  Dobbiamo fare i filotti di vittorie per parlarne, poi vedremo.”

Silvestri? “Per me è un giocatore che può ambire ad altre categorie ma è poco disciplinato. Se lui si limitasse a fare il compitino potrebbe fare la Serie B a mani basse.”

Dossena? “Non so niente se vuole rimanere o andare via. Con me parlò, ma non me ne occupo io. Se non sta bene parlasse con il direttore e vada via perchè è giusto cosi. Noi abbiamo fatto una scelta, lui fa parte del gruppo, ma se non sta bene può parlare con il direttore.”