BLOCCO TRAFFICO, MONTA L’INDIGNAZIONE. «PRIGIONERI, INCAPACI, SI CAMBI» DECINE DI CITTADINI CHIAMANO IN REDAZIONE. LE REAZIONI

BLOCCO TRAFFICO, MONTA L’INDIGNAZIONE. «PRIGIONERI, INCAPACI, SI CAMBI» DECINE DI CITTADINI CHIAMANO IN REDAZIONE. LE REAZIONI

16 Novembre 2018 0 Di La redazione

Squilla incessante da ieri sera il telefono della nostra redazione. Appresa la notizia della nuova ordinanza antismog monta la rabbia dei cittadini.

Abbiamo annotato alcune delle dichiarazioni, e continueremo a farlo, per girare al Comune interrogativi, inquietudini, proposte alternative ma soprattutto l’indignazione che raccogliamo, telefonata dopo telefonata.

In aggiornamento

Anna Marro: «Ci stanno privando della libertà personale. Siamo praticamente in prigione. E se occorre andare in Ospedale per una cura bisogna avere il timore di beccare una multa salata nonostante le tasse che paghiamo?».

Felice Cucciniello: «Ho provato a chiamare al centralino del Comune per parlare con il Dirigente o con gli assessori, ai Vigili urbani, da questa mattina nessuno risponde. Avrei semplicemente voluto far notare che chi viene da fuori la mattina presto è costretto a rimanere ad Avellino fino a sera alla luce di questa ordinanza. Cosa devo fare aspettare? O cambiare l’auto? Non sono capaci di comprendere che eliminando i sensi unici si evitano ingorghi che producono inquinamento. Diteglielo per favore, al sindaco e agli uffici, che non sono capaci».

Carlo Caputo: «Ma che senso ha questa ordinanza? Tra un mese saremo punto e capo. Perchè non hanno pensato alle targhe alterne, molti hanno due auto e almeno con una avrebbero potuto circolare o organizzarsi. Misure senza nè capo nè coda»

Antonio Stella: «Quindi secondo il Comune io da oggi in poi non faccio più nulla ? Me ne sto a casa a girarmi i pollici perchè non posso andare a lavorare? Ma andassero tutti a …»

Filomena D’Auria: «Ma perchè continuiamo a pagare la tassa di circolazione? Diano una navetta per girare per il centro a noi che veniamo da fuori, non possiamo fare spesa per le feste di natale, per emergenze cosa avete previsto ? Dateci un parcheggio e rispettiamo tutte le ordinanze, mi sembra esagerato però pagare multe fino a 700 euro»

 

ECCO ALCUNI DEI COMMENTI CHE ARRIVANO INVECE VIA SOCIAL

Mario Manzo Via Nazionale Torrette. Si vuole fare una rilevazione seria degli agenti inquinanti lungo questa arteria, è una zona sovraesposta a questi problemi ma l’arpac quando si decide a installare una centralina, di sicuro i valori degli sforamenti sono più alti che as Avellino.
Dora Farina E così furono tutti licenziati per impossibilità di raggiungere il posto di lavoro.
Raffaele Gege Giaccio e basta smettetela con figli e nipoti basta di dire sciocchezze basta la solita poesia CARO SINDACO VINCENZO togli immediatamente i pulmans da piazza macello fai controllare prima i mezzi dell’AIR controlla i bus cittadini controlla i filtri della centralina e vedi che lo smog in citta’ diminuisce… ne avete la prova evidente che nonostante questo mese di pioggia e stop auto lo smog e’ aumentato…. percio’ sono sopratutto i mezzi dell’AIR ad inquinare.mi dovete dire perche’ avendo fatto la revisione auto con i relativi controlli gas scarico la mia AUTO risulta IDONEA… io non possa CIRCOLARE e come me’ TANTISSIMI cittadini percio’ di conseguenza l’inquinamento viene da altre parti sicuramente a voi note…AVELLINO e’ circondata da fabbriche che’ sversano nell’aria veleni e voi cosa fate??? ve la prendete con la parte piu’ debole… i CITTADINI.VINCENZO sei o no’ il SINDACO dei cittadini??? TOGLI I BUS DA PIAZZA MACELLO e TUTELACI…. i FIGLI i NIPOTI le ZIE i NONNI ecc. li TUTELIAMO noi potendo andare a LAVORARE.
Francesco Adrian Testa Tornammo a gira’ chi cavalli come si faceva na vota 😎😎😎
Cristian René Senatore Si pagano tasse e assicurazione e gli stipendi sono quel che sono ..facciamo così comprate voi le auto a norma secondo voi per i residenti ..vediamo quanto vi costano..fate cose serie se tanto dovete abbassare i valori di pm 10 orari consoni e soprattutto il blocco lo metterei ai diesel pesanti e non ad autovetture che le persone hanno bisogno di spostarsi e poi con j mezzi pubblici ci vuole una vita visto che non siamo a Milano dove le cose funzionano
Aniello Albano E uno schifo anche se non sono di avellino come fara tanta povera gente a spostarsi gia stoamo in crisi adesso siamo finiti nella poverta assoluta
Annamaria Speranza Non faccio commenti….Altrimenti….rischio…..!!
Maurizio Villaricca Ci sono riusciti a non far camminare le macchine inquinanti.

Gestire

L'immagine può contenere: spazio all'aperto
Assunta Aquino Ma siete matti? Noi come andiamo a lavorare? St……… 😭😭

 

LE REAZIONI DEI CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE

Enza Ambrosone, capogruppo Pd: «Troppo comodo sparare sugli altri quando non si ha nessuna responsabilità di governo e promettere immaginifiche soluzioni quando non si amministra.
Così come è da irresponsabili scaricare sui cittadini tutto il disagio frutto della propria inerzia.
Il blocco della circolazione previsto dalla nuova ordinanza mette al riparo il Sindaco e la sua giunta da provvedimenti giudiziari ma mette in ginocchio la città: famiglie, lavoratori, attività commerciali. Soluzioni alternative, condivise e partecipate, sono doverose».

Il Gruppo Mai Più: “Le polveri sottili annebbiano la mente del sindaco Ciampi, Il sindaco si contraddice ancora, mentendo agli avellinesi Intanto la città è ostaggio di un’ordinanza punitiva, il provvedimento targato Ciampi, che non fa altro che ricalcare quello emanato dal suo predecessore Foti, non solo mette letteralmente in ginocchio Avellino, i tanti che si recano in città o la attraversano per lavoro e i commercianti che ogni giorno alzano le serrande delle proprie attività tra tante difficoltà, ma non risolve affatto il problema delle Polveri sottili – concludono i consiglieri comunali di Mai Più – Bisognava agire per tempo e non ridursi all’ultimo momento per invertire una tendenza che ormai ha già fatto registrare il superamento dei limiti fissati dalla legge. Al momento dell’insediamento del sindaco Ciampi, la centralina Arpac di via Piave segnalava 24 superamenti dei limiti giornalieri di Pm10, oggi siamo a 35 e il numero di giornate inquinanti è destinato a crescere nonostante un’ordinanza che, a questo punto, risulta eccessiva quanto inutile. Se questo è il cambiamento…».

LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Confcommercio in una nota stampa chiede correttivi e in particolare: La modifica dell’orario dalle 8.30/9 in poi. Che l’ordinanza si applichi anche in comuni limitrofi. La creazione di aree parcheggi interscambio con servizi auto/navetta gratuita con frequenza passaggio ogni 20 minuti. La sospensione del provvedimento dal giorno 8 al 24 dicembre e recupero date a gennaio. Che i mezzi commerciali possano circolare senza vincoli di categoria emissione. Consentire agli under 65 di circolare liberamnete. Pubblicizzare attraverso i media le indicazioni.