BALATA: LAVORIAMO PER LE RIFORME NEL CALCIO. IN SERIE B SERVONO TRE RETROCESSIONI

BALATA: LAVORIAMO PER LE RIFORME NEL CALCIO. IN SERIE B SERVONO TRE RETROCESSIONI

23 Giugno 2021 0 Di Michelangelo Freda

Mauro Balata, presidente della Lega di Serie B, torna a far sentire la propria voce in merito alla riforma dei campionati. Dopo mesi di silenzio, osservando gli sviluppi politici interni alla Lega Calcio, il numero uno del campionato cadetto torna a parlare di riforma dei campionati, concentrandosi particolarmente sulla questione delle retrocessioni dalla Serie B.

In effetti, già nel mese di dicembre 2020, la Lega di Serie B aveva votato a favore della riduzione delle retrocessioni. Una mossa politica, a cui non è stato dato seguito in Consiglio Federale ma che, al tempo stesso, continuare a sollevare dubbi sulla sostenibilità del calcio italiano. Balata vuole che si parli concretamente della riforma, auspicando, stando ai rumors trapelati, in una riforma sostanziale della Lega Pro, immaginandola in un girone unico da 20/22 squadre a cui farà seguito un’altro campionato, una sorta di C2, vicina al semiprofessionismo. Tutto questo per modificare la formula dei playoff, delle promozioni e in ultimo per gestire al meglio le retrocessioni dal campionato di Serie B. Un modello inglese ci viene da definire, ma, al momento, tutto sembra molto complicato.

Il discorso della riforma dei campionati è ancora in alto mare nonostante le parole di rito del presidente della Figc, Gabriele Gravina, che nei suoi programmi elettorali, alla prima e alla seconda elezione, aveva puntato molto su una repentina riforma ma che non si è mai concretizzata realmente.

Intanto continua il duro faccia a faccia tra le leghe, unite sotto il simbolo della Figc, ma disunite nel concreto, con una mancanza di dialogo sempre più accertata e uno scontro titanico tra le federazioni.