AVELLINO.RISSA E RESA DEI CONTI A SPRANGATE TRA GIOVANISSIMI

AVELLINO.RISSA E RESA DEI CONTI A SPRANGATE TRA GIOVANISSIMI

25 Giugno 2019 0 Di Ottavio Giordano

Una violenta lite a colpi di spranghe nella centralissima Via De Conciliis ad Avellino nella serata di ieri per una resa dei conti.La rissa messa in atto da giovanissimi, tutti tra i 19 e i 20 anni di età.Coinvolti anche due minorenni.Sabato il primo episodio, i protagonisti sarebbero gli stessi.

RICOSTRUIAMO I FATTI


“Sabato il primo round”

Nella giornata di sabato un primo parapiglia a via De Conciliis aveva attirato l’attenzione dei presenti che avevano prontamente allertato le forze dell’ordine.Un goccio in più, una parola fuori posto e via alle botte.Scattato l’allarme, immediata la fuga dei ragazzi, poi l’arrivo di una gazzella dei Carabinieri.Nessuno dei responsabili però era stato identificato.I giovani si erano già dileguati per le strade della città facendo perdere le loro tracce.


“Lunedì il secondo round”

Quando era da poco passata la mezzanotte di oggi martedì 25 giugno, un’altra rissa sempre in Via De Conciliis, ma con modalità molto diverse e sicuramente più violente.Dieci i giovani che per qualche minuto hanno messo sotto scacco un’intera zona del capoluogo.Pugni, calci, cric e spranghe senza pietà.Un giovane di 19 anni sarebbe stato colpito ripetutamente da un grosso pezzo di ferro mentre un altro sarebbe stato colpito con violenza inaudita ad un occhio riportando gravi conseguenze.Entrambi sono stati trasportati rispettivamente al “Moscati” di Avellino e al “Rummo” di Benevento dove si trova un importante reparto per traumi oculari.Un altro giovane avrebbe, poi, colpito con un cric un’auto ferma in sosta.

I passanti attoniti ed impauriti hanno chiamato le forze dell’ordine.Giunta sul posto la squadra volanti della Polizia di Stato guidata dal Vice Questore Elio Iannuzzi,  ha avviato immediatamente le indagini per ricostruire i fatti che analogamente si erano verificati già nella serata di sabato.


“Le indagini e l’identificazione”

Ricerche a tappeto in tutta la zona che, in poche ore, grazie alle telecamere di videosorveglianza degli esercizi commerciali, hanno portato all’identificazione di tutti i giovani violenti.Dieci ragazzi tutti tra i 19 ed i 20 anni e due minorenni.Tutte le fasi della rissa immortalate in un video che è risultato determinante per le indagini.

I ragazzi identificati sono stati tutti convocati in Questura e nelle prossime ore potrebbero scattare le denunce.