AVELLINO, QUANTO SEI BELLO! TIFOSI SUPER PER UN SUPER LUPO

AVELLINO, QUANTO SEI BELLO! TIFOSI SUPER PER UN SUPER LUPO

18 Febbraio 2021 0 Di Pellegrino Marciano

E’ stata la settimana delle turbolenze per le dichiarazioni di mister Braglia, una settimana in cui era stata data maggiore attenzione alle parole del tecnico che alla sfida, delicata alla vigilia, contro il Foggia di Marchionni. La tifoseria ha voluto dare ancora una volta prova del proprio immenso amore con l’accoglienza nei pressi dello stadio per il pullman della squadra. Torce, bandiere e cori, insieme a tanta nostalgia nel non poter vedere piena quella Curva che tanti punti avrebbe fatto guadagnare in più ai lupi. Un gesto che va a consolidare ancora di più squadra e tifosi, e che ha caricato i ragazzi di Braglia più che mai, come ha testimoniato il match vinto in scioltezza. Il consueto 3-5-2 con il ritorno di Illanes ha fatto registrare l’ormai solidità del reparto arretrato, che ha subito nelle ultime nove partite solamente due reti, portandosi al terzo posto come miglior difesa, dietro solamente a Ternana e Bari, con una partita giocata in più. Secondo miglior attacco per i lupi a pari merito con i pugliesi e dietro l’inarrivabile capolista. In campo ieri sera, con Adamo mezz’ala e con Aloi e D’Angelo in panchina, si è visto un Avellino in totale controllo della partita. Maniero e Fella davanti hanno fatto il bello ed il cattivo tempo dimostrandosi letali e nel vivo del gioco. De Francesco in cabina di regia ha giocato una delle sue migliori partite trovando anche il gol e consacrando il suo ritorno a pieno regime, di quello che potrebbe essere un giocatore molto importante per l’Avellino. Un 4-0 che non lascia spazio ad ulteriori commenti, se non di elogio e di grande euforia in casa biancoverde, che ha festeggiato anche l’ennesimo assist di Fabio Tito. Si è visto anche il bel gioco, con tocchi di prima e serie di passaggi per arrivare in porta; insomma, non sarà stato un super Foggia ma questo Avellino vince e convince e guadagna tre punti su Catania e Catanzaro, sconfitte rispettivamente da Ternana e Casertana. Proprio i falchetti domenica sera al “Pinto” saranno l’ultimo banco di prova prima del riposo, ma con un lupo così tutto sembra più facile.