AVELLINO, MANCA POCO ALL’ESORDIO. REBUS MODULO PER I LUPI E UN MICOVSCHI IN PIU’

AVELLINO, MANCA POCO ALL’ESORDIO. REBUS MODULO PER I LUPI E UN MICOVSCHI IN PIU’

25 Agosto 2021 0 Di Pellegrino Marciano

Mancano quattro giorni all’inizio del campionato con l’Avellino che continua a preparare l’esordio contro il Campobasso. Un evento attesissimo dai tifosi biancoverdi che non vedono l’ora di vedere all’opera la formazione di mister Braglia. Un impegno contro una neopromossa, tra le mura amiche, che sulla carta sembrerebbe abbordabile, ma il Campobasso dell’ex difensore dell’Avellino Mirko Cudini ha già dimostrato il primo di agosto in amichevole di essere un’avversaria pericolosa e di nascondere insidie. Era calcio d’estate, è pur vero, ma al Partenio-Lombardi quest’anno tutte le squadre verranno a fare la guerra. I molisani hanno aggiunto elementi di esperienza come Emmausso e Parigi, e vantano in rosa l’irpino Rossetti, attaccante classe 1996 che proprio al Nuovo Romagnoli contro i lupi si è messo in mostra. Come ci arriverà l’Avellino ancora non è dato sapersi, sta di fatto che l’arrivo di Micovschi consegna a Braglia la soluzione giusta per il suo tridente d’attacco, che potrebbe subito essere composto dal rumeno, che ieri ha svolto il suo primo allenamento coi nuovi compagni, Kanoutè e Plescia, vista anche la squalifica di Riccardo Maniero. Squalifiche che riguarderanno altri due pezzi pregiati, ovvero Salvatore Aloi e Alberto Dossena. Difesa a tre o difesa a quattro? E’ questo il dilemma, anche se Braglia contro il Sorrento sia nel primo che nel secondo tempo ha mantenuto invariato il 4-3-2-1.