AVELLINO LE BESTEMMIE COSTANO CARO. PANE SCALDA I GUANTONI

AVELLINO LE BESTEMMIE COSTANO CARO. PANE SCALDA I GUANTONI

4 Giugno 2021 0 Di Michelangelo Freda

L’Avellino ha conquistato l’accesso alla final four e adesso toccherà giocarsela contro il Padova, domeni 6 giugno, allo stadio Euganeo. Ma quando il gioco sta per entrare nel vivo, sulle spalle dell’Avellino si è abbattuto clamorosamente la decisione del giudice sportivo di squalificare Adamo e Forte per espressioni blasfeme. Insomma qualche bestemmia è stata punita nel peggior modo possibile. Non è nuovo questo genere di squalifiche, soprattutto ai tempi del coronafootball, ma al tempo stesso, qualche interrogativo i tifosi italiani se lo pongono. Indubbiamente il sistema italiano dal 1999 non vede nella bestemmia un reato, tanto da rientrare negli illeciti amministrativi, e non si riesce quindi a comprendere perchè nel calcio venga imposta addirittura una squalifica su un genere di comportamento. Ciò non vuol dire “giustificare” ma semplicemente analizzare a contestualizzare una sproporzione della “condanna” tra vita reale e calcio.

Intanto per mister Braglia questo vuol dire fare a meno di altri due calciatori dopo le squalifiche per somma di ammonizioni di Illanes e Aloi (espulso nell’ultima partita). Pasquale Pane dovrà prepararsi per scendere in campo per sostituire il compagno di squadra. Il portiere classe 1990 ha già dimostrato le sue qualità in match importanti quando chiamato in causa e sicuramente si farà trovare pronto per difendere i pali biancoverdi contro il Padova.

In difesa tornerà Laezza che ha scontato la squalifica e al posto di Illanes ci sarà sicuramente Mirko Miceli, al centro confermato Dossena che in questi playoff sta dimostrando enormi margini di crescita. A centrocampo De Francesco scenderà in campo per sostituire lo squalificato Aloi. Al centrocampista romano vanno fatti i complimenti per come ha interpretato la gara contro il Sudtirol, gestendo al meglio il ritmo partita. Sulla sinistra ci sarà l’instancabile Fabio Tito mentre sulla destra potrebbe esserci un ballottaggio tra Ciancio e Rizzo. In avanti tornerà la coppia Maniero-Fella con Santaniello e Bernardotto pronti a subentrare.

La gara contro il Padova è uno spartiacque per l’Avellino anche per sconfiggere una maledizione che aleggia da troppo tempo sul gruppo squadra. L’ultima vittoria in trasferta dei biancoverde risale al 3 marzo, quando Braglia e i suoi uomini si imposero sul Catanzaro per 1-0 grazie al goal di Bernardotto. Da quel momento in poi l’Avellino non ha mai trovato la vittoria, con le ultime due gare perse proprio nei playoff.