AVELLINO.LE 3 FIDEIUSSIONI VENERDI’ POTREBBERO NON BASTARE, ULTIMA “CARTA” CONI

AVELLINO.LE 3 FIDEIUSSIONI VENERDI’ POTREBBERO NON BASTARE, ULTIMA “CARTA” CONI

18 Luglio 2018 0 Di Domenico Zappella

Taccone ha tenuto stamane la tanto attesa conferenza per chiarire su iscrizione al campionato e fideiussioni.“Abbiamo agito come dovevamo” ha detto . Il fatto vero è che le tre fideiussioni potrebbero non bastare venerdì.

Finalmente la tanto attesa conferenza stampa, più volte indetta ed annullata, dal presidente Walter Taccone si è tenuta stamane presso l’hotel che ospita il ritiro dei lupi. Oltre mezzora di dialogo per spiegare ed illustrare tutti i passaggi effettuati in questi giorni dal massimo dirigente per ottenere la regolare iscrizione al campionato di serie B. Lunedì sera il tardivo comunicato stampa che aveva gettato ombre, paure e timori: oltre 24 ore di silenzio ieri a rafforzare dubbi e perplessità prima del chiarimento di stamane volto a rasserenare l’ambiente, tra l’altro piuttosto caldo dopo il comunicato della Curva Sud diramato un’ora prima della conferenza di Taccone.

Alla fine ben tre risultano essere le fideiussioni presentate dall’Avellino per ottenere il via libera, ma queste almeno inizialmente potrebbero anche non bastare. Tutto ruota intorno alla buona fede del club biancoverde e a precedenti che si spera possano riabilitare l’Avellino. Il massimo dirigente ribadendo il fatto di essersi ritrovato da solo ha punto per punto illustrato i vari passaggi, alcuni molto tecnici, che hanno contraddistinto le ultime ore. Ma la parola finale spetterà solo ed esclusivamente agli organi federali con la data cerchiata in rosso di venerdì 20 luglio. Taccone non vuole proprio prendere in considerazione l’ipotesi di una nuova mancata ratifica dell’iscrizione, spera e confida, forte delle tre fideiussioni e soprattutto della prima che considera valida ed affidabile in ogni minimo aspetto, della regolare prassi operata dal club e di conseguenza vedere l’Avellino iscritto in serie B e senza penalizzazione. Sia ben chiaro, è quello che ci auguriamo tutti. Ma nel caso in cui venerdì venga confermata la mancata iscrizione del club da parte del consiglio federale, l’Avellino avrebbe a quel punto la carta del ricorso al collegio di garanzia del Coni. E qui, vedi le tre fideiussioni presentate oltre al precedente dello scorso anno del Rende che fu riabilitato proprio in virtù della buona fede della società, realisticamente l’Avellino potrebbe vedersi accettate le proprie ragioni.

Restano però al momento tanti e troppi punti interrogativi ma soprattutto la consapevolezza che si vivranno ore di passione in attesa dei vari giudizi. Un aspetto questo che i tifosi avrebbero evitato volentieri, parlando magari sulle spiagge e nelle piazze di calcio giocato, delle nuove prospettive degli uomini di Marcolini o magari dell’entusiasmo di giocare un’amichevole contro un club blasonato come la Roma. Altro che: fideiussioni, rating, termini perentori, covisoc e tanto altro ci accompagneranno ancora, almeno nelle prossime 36 ore. Sperando come dice Taccone che tutto si risolva per il meglio venerdì mattina

RIVEDI LA CONFERENZA INTEGRALE

ISCRIZIONE E FIDEIUSSIONE.TACCONE SPIEGA E SBOTTA – LA CONFERENZA INTEGRALE