AVELLINO, FARI PUNTATI SULLA DIFESA PER I PLAYOFF. TRE SOLUZIONI AL VAGLIO

AVELLINO, FARI PUNTATI SULLA DIFESA PER I PLAYOFF. TRE SOLUZIONI AL VAGLIO

5 Maggio 2021 0 Di Pellegrino Marciano

Domani si ricomincia. Dopo i tre giorni di riposo concessi l’Avellino si tuffa nel mondo dei playoff aspettando di sapere quale sarà la prima avversaria da affrontare in trasferta il 16 maggio. Uno dei temi più caldi a bocce ferme è sicuramente quello relativo alla difesa di Braglia. Premesso che per Illanes non ci sono problemi e che contro la Cavese è stato sostituito solamente a scopo precauzionale, c’è da registrare la partita giocata per intero da Laezza. Un modo per testare la tenuta fisica ma anche mentale del capitano che ha dato segnali incoraggianti, dal punto di vista della tenuta e della personalità. Ovvio che la brillantezza fisica del 5 biancoverde non può essere delle migliori ma in questi giorni si lavorerà anche in tale direzione. Le alternative sono tre. La prima è Ciancio come centrale di destra; ruolo già ricoperto dall’ex Carrarese durante il campionato, anche con buoni risultati. L’esperienza gioca a suo favore. Poi c’è Rocchi, sostituto naturale, a detta di Braglia, di Luigi Silvestri. Rocchi però non ha dato ampie garanzie tecniche e il trainer dei lupi non sembra orientato ad affidarsi a lui nei playoff. L’ultima carta è il recupero di Silvestri. Di sicuro per il primo turno non ci sarà. Se l’Avellino dovesse qualificarsi per il secondo, invece, sarebbe a disposizione ma probabilmente non al 100%. Senza trascurare la squalifica di Miceli, che di sicuro non ci sarà il 16 maggio, mentre il ricorso fatto dalla società potrebbe regalargli l’opportunità di giocarsi il ritorno del 20 maggio ad Avellino. 10 giorni a disposizione per Braglia per inquadrare la miglior difesa possibile da schierare ai playoff, una difesa che nelle ultime uscite ha perso le sue certezze.