AVELLINO, E’ TEMPO DI RIFLESSIONI. LA SOCIETA’ PROGRAMMA IL FUTURO

AVELLINO, E’ TEMPO DI RIFLESSIONI. LA SOCIETA’ PROGRAMMA IL FUTURO

11 Giugno 2021 0 Di Pellegrino Marciano

A due giorni dall’eliminazione in semifinale contro il Padova in città si respira sicuramente un clima di rammarico ma anche di speranza per il nuovo Avellino che verrà. I primi tasselli da cui ripartire saranno senza dubbio direttore sportivo e allenatore, con Di Somma e Braglia che si siederanno a tavola con il presidente D’Agostino e discuteranno del da farsi come accade praticamente ovunque. Se le vedute saranno le stesse si andrà avanti senza problemi. Il comunicato del numero uno dei lupi lascia ben speranzosi i tifosi avellinesi. “Non indietreggeremo di un millimetro” ha scritto D’Agostino, il chè vorrà dire essere ancora più competitivi in un campionato che si preannuncia tosto e con ancor più piazze importanti. Quindi, giusto il tempo di smaltire un po’ la batosta per poi ripartire subito. C’è un ritiro da programmare e ovviamente il calciomercato, dove l’Avellino dovrà puntellare una rosa già di fascia alta, forte di contratti pluriennali dei suoi gioielli, su tutti Carriero e D’Angelo. Intanto il giudice sportivo ha sanzionato il club irpino con 1500 euro di ammenda per i cori contro i calciatori del Padova e Mandorlini. Cori che negli stadi si sentono ad ogni partita a differenza del “terroni terroni” incredibilmente e clamorosamente non sanzionato. Si chiude male una stagione che la Lega Pro non ha gestito in maniera impeccabile, ma va bene così, ora bisogna solamente guardare avanti e programmare un futuro importante per l’Avellino che verrà.