AVELLINO, DEFERITE TITOLARE E DIPENDENTE DI UN CENTRO ESTETICO

AVELLINO, DEFERITE TITOLARE E DIPENDENTE DI UN CENTRO ESTETICO

24 Maggio 2022 0 Di Leonardo D'Avenia

I recenti episodi di cronaca di interventi di chirurgia estetica effettuati da personale non qualificato che, per soli fini di lucro, eseguendo pratiche riservate esclusivamente ai medici, sono scattati i controlli dei Nas, d’intesa con il Ministero della Salute.

La finalità del monitoraggio è stata verificare l’idoneità tecnica dell’attrezzatura impiegata, la sussistenza dei requisiti igienico-strutturali e organizzativi, il possesso delle previste autorizzazioni, la presenza di qualifiche  professionali,  con  particolare  riguardo all’applicazione  di  filler,  impianti  cutanei  ed  altre procedure tra cui anche i trattamenti mediante il fattore di crescita PRP (plasma ricco di piastrine) per la biorivitalizzazione della pelle, tutte pratiche che per loro natura sono le più soggette ad essere eseguite abusivamente.

I Nas di Salerno hanno denunciato la titolare ed una dipendente di un centro estetico di Avellino per esercizio abusivo della professione. Nel corso dell’attività ispettiva svolta presso la struttura è stata infatti accertata l’esecuzione, senza il possesso dei previsti titoli abilitativi, di un trattamento sottocutaneo in favore di una cliente.  Sottoposte a sequestro una fiala di fosfatidilcolina, alcune siringhe e carta monouso macchiata di sangue. Ispezionate complessivamente tra varie città 793 strutture, tra centri estetici e studi medici estetici: i carabinieri hanno individuato 110 obiettivi non conformi che hanno comportato la denuncia di 33 titolari ed operatori, nonché la contestazione di sanzioni amministrative per 187.000 euro.