AVELLINO. CONTI, ACS E CONSIGLIO COMUNALE, PREZIOSI CONTESTA

AVELLINO. CONTI, ACS E CONSIGLIO COMUNALE, PREZIOSI CONTESTA

30 Gennaio 2020 0 Di La redazione

L’ esponente d’opposizione, in conferenza stampa, ritorna sul tema conti e casse comunali. Alla luce di una recente sentenza della Corte Costituzionale Preziosi intravede un disavanzo che porterà al dissesto: “Bisognerà rideterminare tutti i bilanci – spiega – anche l’ultimo approvato e sul quale è stato fatto il riequilibrio, oltre che il previsionale. Ci sarà un disavanzo maggiore da coprire”.

Sulla nomina di Paolo Spagnuolo ai vertici della municipalizzata Avellino Città Servizi l’attacco è corale: “Tutti i consiglieri di opposizione sono pronti a presentare un ricorso al Tribunale delle imprese per l’ineleggibilità del manager. Nulla contro la persona – precisa Preziosi – spero però che qualcuno rinsavisca, lo Statuto di Acs prevede che «non possono essere nominati amministratori i consiglieri e gli assessori comunali in carica»”.

Sullo spacchettamento del terminal bus, la critica dell’ex manager Air: “Gli autobus sono quelli che hanno una percentuale di inquinamento del 10%. Manca una logica nelle decisioni. Cautela voleva di aspettare l’esito del ricorso degli ambulanti al Tar, immaginatevi cosa succederà se, come mi auguro, i commercianti vinceranno la causa, il caos totale”.

Preziosi, inoltre, ha sollecitato l’Amministrazione a convocare la commissione per la redazione del codice etico e la commissione trasparenza, invitando la maggioranza a non esautorare il Consiglio comunale dalle sue funzioni: “Il Comune ha fatto richiesta di adesione all’Asi ma non c’è ancora delibera di Consiglio. Domani intanto c’è una riunione all’Asi dove si delibera l’adesione di Avellino, nessuno è andato a leggere il piano economico finanziario che sarà approvato domani. Considerate la condizione del Comune per rendervi conto di dove andiamo a infilarci”.