AVELLINO. CAOS PRONTO SOCCORSO,  INFERMIERI PROCLAMANO LO STATO DI AGITAZIONE

AVELLINO. CAOS PRONTO SOCCORSO, INFERMIERI PROCLAMANO LO STATO DI AGITAZIONE

26 Maggio 2020 0 Di La redazione

La dura presa di posizione del NursSind che, di fronte alle lacune denunciate, attiva l’intervento del Prefetto di Avellino

Il Nursind denuncia il mancato ascolto rispetto al sovraffollamento che si registra al Pronto Soccorso dell’ospedale “Moscati” e che sta generando ripercussioni su lavoratori e pazienti. Proclamato lo stato di agitazione. Richiesto l’intervento di conciliazione del Prefetto.

Alla base della protesta l’assenza di pre–triage con infermieri dedicati, di camere d’isolamento a pressione negativa per pazienti sospetti Covid, lo sforamento quotidiano del numero utenti, l’assenza di un’area filtro, scarsi posti letto per il ricovero di sospetti Covid e divisioni degli spazi, nonchè la chiusura, da ormai due mesi, del Pronto Soccorso di Solofra e l’inadeguatezza della rete territoriale per l’assistenza domiciliare per pazienti cronici e sospetti Covid; i casi non gravi invece di essere curati a casa arrivano in ospedale con gravi ripercussioni sui dipartimenti d’emergenza e accettazione, lo si legge nella nota diramata dal sindacato.