AVELLINO, CAMBIA IL MODULO. FOCUS SULLA DIFESA DI BRAGLIA

AVELLINO, CAMBIA IL MODULO. FOCUS SULLA DIFESA DI BRAGLIA

25 Giugno 2021 0 Di Pellegrino Marciano

Sono giorni di lavoro sottotraccia in casa Avellino che si prepara al Summer Camp che inizierà lunedì, ma ovviamente nella persona di Salvatore Di Somma sta allacciando contatti con diversi agenti e società per sondare il terreno per più profili, capaci di inserire qualità in un contesto già di per sé importante. Braglia, come oramai è noto, sembra orientato a voler schierare una difesa a quattro. E proprio sulla retroguardia biancoverde è doveroso un focus, cominciando da Julian Illanes. Un elemento che avrebbe fatto comodo il classe 1997 argentino, sia a tre che a quattro, ma l’ostacolo che al momento sembra insormontabile è la richiesta della Fiorentina, che vorrebbe cederlo a titolo definitivo dando fine alla catena di prestiti. La richiesta per il cartellino però si aggira intorno al mezzo milione, troppo per le casse di una società di Lega Pro e quindi si aspetterà per capire se i viola abbasseranno le pretese oppure no. Una difesa a quattro non valorizzerebbe a dovere, almeno sulla carta, Luigi Silvestri. Va da sé che il 28 biancoverde si esprima al meglio come braccetto, ma un calciatore del suo carisma e delle sue qualità potrebbe adattarsi bene sotto la gestione di mister Braglia che non rinuncerà facilmente all’ex Potenza. Chi invece potrebbe trarre beneficio è Dossena. Il gigante dei lupi ha chiuso la stagione alla grande come centrale, ma nasce come difensore da difesa a quattro, così come Miceli che non fa della rapidità la sua arma migliore. Più duttile, invece, capitan Laezza. Al di là delle doti di leader e il gran cuore, il classe 1993 può rivelarsi un jolly difensivo prezioso per Braglia sia in campo che nello spogliatoio.