BRAGLIA: “ILLANES MI PIACE, PARLA POCO. TROPPE CHIACCHIERE DOPO TERAMO, CONTA LA CLASSIFICA”

BRAGLIA: “ILLANES MI PIACE, PARLA POCO. TROPPE CHIACCHIERE DOPO TERAMO, CONTA LA CLASSIFICA”

14 Gennaio 2021 0 Di Michelangelo Freda

Mister Braglia presenta la gara contro la Cavese in programma sabato pomeriggio allo stadio Partenio Lombardi: “Ci dobbiamo aspettare un girone  di ritorno difficile contro la Cavese non possiamo sbagliare approccio alla gara, i ragazzi stanno lavorando bene e mi fido delle loro capacità. Campilongo? Penso sia normale che vogliano far risultato qui come sia normale che noi vogliamo vincere. Campilongo lo conoscono da tanti anni e gli auguro di salvarsi dopo la gara di sabato. Mi auguro di non sbagliare nulla e di portare in fondo il risultato.”

La gara contro il Teramo? “Noi contro il Teramo abbiamo gestito la gara fino a 15 minuti dalla fine. Non avevamo energie e abbiamo preferito indietreggiare. Venivamo da un lungo periodo di gare e la preparazione è stata pesante. Eravamo stanchi e abbiamo anche rispiato di perdere. Teramo non è scarsa come squadra, anche se qualcuno sostiene il contrario, sottolineando l’uso dei giovani,  ma non lo è, lì hanno perso tante squadre. Abbiamo rischiato di vincere come di perdere. Non ho visto un brutto Avellino. La bellezza del gioco è soggettiva. Io faccio l’allenatore e so quello che facciamo.”

Maniero e infortunati? “C’è solo De Francesco che si si aggregherà la prossima settimana. Errico sta recuperando la condizione. Non è. ancora al 100% ma sta crescendo,  deve stare tranquillo psicologicamente, ha paura di cadere nuovamente negli infortuni. Maniero penso stia bene.”

Illanes? “Ieri mi ha fatto una buona impressione. Rispetto ad altri conosce limiti e pregi della sua persona. Mi piace, parla poco giusto lo stretto necessario. Mercato? Dopo Illanes il mercato è chiuso, se capita un’occasione vedremo ma è tutto fermo ora.”

Campionato? “La realtà la dice la classifica, sento sempre critiche, ma intanto con il covid e altre vicende siamo terzi. Io penso che sia anche falsa come classifica. Noi siamo li a giocarci il campionato, ci proviamo, ma penso che stiamo facendo bene, qui si pretende molto senza rendersi conto di tutto quello che è stato fatto sinora. Adesso. vediamo. dove. arriveremo. È giusto aver delle pretese, è un giro, ma conta il risuolato del campo.”