AVELLA, SCATTA IL LOCKDOWN FINO AL 2 NOVEMBRE: L’ORDINANZA DEL SINDACO BIANCARDI

AVELLA, SCATTA IL LOCKDOWN FINO AL 2 NOVEMBRE: L’ORDINANZA DEL SINDACO BIANCARDI

23 Ottobre 2020 0 Di Leonardo D'Avenia

Scatta un minilockdown ad Avella, dove il sindaco Domenico Biancardi con un’ordinanza che imposto fino al 2 novembre: il divieto di accesso o allontanamento dal territorio comunale se non per comprovate necessità (lavoro, salute, approvvigionamento di beni di prima necessità); la sospensione di manifestazioni, feste, eventi di ogni forma di riunione in luogo pubblico (piazze, parchi pubblici) o provato (abitazioni altrui), anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso (salvo funzioni religiose già programmate ma con il solo nucleo familiare); la chiusura dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private nonché delle istituzioni di formazione superiore, comprese le Istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica, ferma la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza; chiusura del cimitero fatto salvo delle Imprese che svolgono allestimento per la commemorazione dei defunti; la sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura; la sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e si pubblica utilità; la chiusura di tutte le attività commerciali entro le ore 21, con obbligo di accedere ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l’acquisto di beni di prima necessità indossando dispositivi di protezione individuale o adottando particolari misure di cautela individuale dall’azienda sanitaria competente; la sospensione di attività dei circoli ricreativi, sportivi e palestre; divieto per i minori di allontanarsi dalle proprie abitazioni se non per comprovate necessità e sempre accompagnati da un familiare adulto; la chiusura di tutte le palestre e la sospensione di tutte le attività sportive, in forma individuale e di squadra, sia di tipo professionale che amatoriale; indossare la mascherina su tutto il territorio comunale.