Home / Attualità / ASI-CGS: TORNA L’INCUBO DELLA PRIVATIZZAZIONE

ASI-CGS: TORNA L’INCUBO DELLA PRIVATIZZAZIONE

 

Gli attivisti Fismic e la RSU Elio Di DIO del CGS di Avellino, si sono riuniti questa mattina presso la sede provinciale della Fismic in preparazione dell’incontro di mercoledì 28 giugno con la presidenza dell’ASI di Avellino.

Dopo l’incontro in prefettura di pochi giorni fa e la discussione Regionale sul riordino delle ASI in Campania, dichiara il Segretario Generale Giuseppe Zaolino, riemergono vecchi problemi che possono mettere in discussione il futuro dei 78 lavoratori del CGS.

Pur riconoscendo al nuovo consiglio di amministrazione dell’ASI un grande lavoro di abbattimento della situazione debitoria continua Zaolino, permangono problemi di regolarità nei pagamenti degli stipendi e sullo sfondo sembra riapparire la questione della possibile privatizzazione ed il conseguente taglio occupazionale.

Nella verifica di domani conclude Zaolino chiariremo questo aspetto partendo dal concetto del superamento dello stato di liquidazione del CGS per evitare di arrivare alla fine del contratto di solidarietà (Novembre 2017) senza una prospettiva definitiva e con l’incubo degli esuberi.

Circa Michela Attanasio

Michela Attanasio

Vedi Anche

VIA SPERANZA, IL GIALLO DELLA VORAGINE INFINITA

Via Speranza. Da oltre un mese lavori in corso per ripristinare il traffico dopo la ...

NELLA “FOGNA” DI QUATTROGRANA IL GRIDO INASCOLTATO DELLA PERIFERIA

A Quattrograna il grido inascoltato dei cittadini costretti a vivere in alloggi popolari colabrodo sottoposti ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *