ARIANO. L’ANZIANA MORTA CARBONIZZATA AVREBBE PRESO FUOCO MENTRE CUCINAVA

ARIANO. L’ANZIANA MORTA CARBONIZZATA AVREBBE PRESO FUOCO MENTRE CUCINAVA

3 Gennaio 2020 0 Di Monica De Benedetto

Tragica morte per un’anziana di Ariano Irpino. La donna, ultranovantenne, probabilmente ha preso fuoco mentre si preparava da mangiare. La nipote l’ha trovata riversa a terra carbonizzata. La salma è stata restituita alla famiglia per i funerali.

donna morta ariano

Le perizie tecniche e scientifiche sono andate avanti fino a sera per stabilire come una donna di 92 anni, C d G le sue iniziali, sia morta carbonizzata. L’anziana viveva al piano terra di una villetta in località Piano Taverne ad Ariano Irpino, sopra di lei la nipote che però al momento della tragedia era al lavoro. Quando è tornata a casa ha visto del fumo uscire dalla porta della zia e si è precipitata all’interno ma ha trovato la povera anziana distesa a terra accanto al letto già deceduta ed irriconoscibile, disperata ha immediatamente chiesto aiuto, altri familiari e vicini sono accorsi per spegnere le fiamme propagatesi al materasso, inutile l’intervento del 118.

CLICCA QUI E GUARDA IL VIDEO – “ARIANO, ANZIANA MORTA CARBONIZZATA”

Sul posto la polizia municipale, gli uomini della scientifica del Commissariato di Ariano, il medico legale ed i Vigili del Fuoco di Grottaminarda ed Avellino per i rilievi del caso in particolare per individuare eventuali sostanze acceleranti e stabilire se si è trattato di un tragico incidente o se ci possa essere la mano di terzi.

LA MORTE GIUNTA PER DISGRAZIA MENTRE LA DONNA CUCINAVA

Non vi erano stufe o camini all’interno, secondo una prima ricostruzione l’anziana si stava preparando il pranzo, aveva delle salsicce sul fuoco, probabilmente nel passare accanto ai fornelli è andata in fiamme la mantellina di lana che portava sulle spalle, trovata dagli inquirenti bruciacchiata nel corridoio, pur liberandosene nella fuga verso la camera da letto aveva già gli altri abiti in fiamme, divenuta una torcia umana si è accasciata accanto al letto dove è spirata. L’anziana nonostante ultranovantenne era persona autonoma ed energica, mai sposata, senza figli, spesso faceva passeggiate all’aperto, i vicini raccontano che durante l’estate raccoglieva anche dei frutti dagli alberi.