ALTO CALORE. ASSEMBLEA DI SINDACI IN MASCHERINA, I CONTI TORNANO

ALTO CALORE. ASSEMBLEA DI SINDACI IN MASCHERINA, I CONTI TORNANO

27 Maggio 2020 0 Di La redazione

I primi cittadini d’Irpinia e Sannio danno l’okay all’approvazione del bilancio consuntivo con quasi il 60 % degli aventi diritto al voto. La seduta, con centinaia sindaci, si è svolta nel parcheggio dell’ente per il rispetto delle misure anticovid. Da registrare nel voto le astensioni di Comune di Avellino ed Provincia di Avellino che rappresentano oltre il 20% delle quote. Il Presidente Michelangelo Ciarcia, in bilico prima del Covid, proseguirà il mandato per almeno un altro anno. Dalla sua parte il conto in attivo, per oltre un milione di euro dopo anni di perdite grazie a pre-pensionamenti e recupero morosità. Resta il pesante passivo dei debiti pregressi (oltre 110 milioni) per il quale si tenterà attraverso il decreto “Rilancia Italia” di attivare fondi per 32 milioni di euro. I comuni soci saranno chiamati a ricapitalizzare solo nel 2023, il termine slitta anche grazie al Covid. Nel mezzo le elezioni regionali e provinciali delle quali oggi si è avuto un “assaggio” con la tregua in vista delle elezioni in Campania. Ad assistere ai lavori anche il commissario del Pd avellinese Cennamo, il consigliere regionale Alaia, toccata e fuga per il sindaco di Nusco Ciriaco De Mita. Il voto contrario al bilancio è arrivato dal Comune di Montemiletto. La vicenda Mo.se pesa nelle valutazioni: dopo la creazione, lo scorporo e il rientro della vecchia società, restano circa 2 milioni e mezzo di euro di fondi al centro di un contenzioso tra ente idrico e comune. Sarà il tribunale a pronunciarsi. La vera sfida riguarderà la ricostruzione delle reti colabrodo e il non aumento della tariffa.