ACCADDE OGGI – 31/10/2018

ACCADDE OGGI – 31/10/2018

31 Ottobre 2018 0 Di Delfino Sgrosso

Risultati immagini per maRTIN lUTERO31/10/1517 – Il monaco agostiniano Martin Lutero affigge le sue 95 tesi sul portale della chiesa di Wittemberg nella odierna Germania. Nato nel 1483 da una famiglia di umili origini, Lutero si iscrisse nel 1501 presso l’università di Erfurt dove conseguì il baccellierato. Nel 1505, a ventidue anni, entrò nel convento agostiniano di Erfurt dove si dedicò con passione agli studi teologici ed alla pratica delle virtù monastiche. Laureatosi in teologia nel 1510 presso l’Università di Wittemberg, Lutero spostò l’attenzione dei suoi studi sul rapporto tra Dio e l’uomo, arrivando a distaccarsi dalle tesi della Chiesa Cattolica in particolare sull’approccio da tenersi nei confronti delle Sacre Scritture. La causa che scatenò l’affissione delle 95 tesi fu principalmente la polemica sulla vendita delle indulgenze in Germania e in altre parti d’Europa, ma anche il nepotismo (ossia la tendenza del clero a favorire i propri parenti), la simonia (ossia la compravendita di cariche ecclesiastiche) e la corruzione del clero che affliggevano la chiesa nel XVI secolo. L’affissione delle 95 tesi è considerata l’inizio della Riforma o Scisma Protestante, ossia di quel movimento religioso con risvolti politici di tipo rivoluzionario che condusse alla nascita del cosiddetto “cristianesimo evangelico”.

 

Risultati immagini per eduardo de Filippo31/10/1984 – Muore a Roma a 84 anni il regista, scrittore, sceneggiatore ed attore Eduardo De Filippo. Figlio d’arte dell’attore Eduardo Scarpetta e di Luisa De Filippo, nonché fratello degli attori Peppino e Titina, debutta giovanissimo sul palco con la compagnia paterna nel ruolo di “Peppiniello” in “Miseria e Nobiltà”. Tra le figure più eminenti del teatro italiano del Novecento, per la sua abilità di autore e la sensibilità di interprete che faceva perno sulla sottile rarefazione dei mezzi espressivi e su una raffinata tecnica espressiva. Dapprima in parallelo con l’esperienza teatrale svolta con i fratelli De Filippo e +d in seguito con compagnie proprie si impose sulla scena teatrale italiana con una serie di lavori drammatici che hanno avuto grande successo anche fuori d’Italia: Napoli milionaria (1945), Questi fantasmi (1946), Le bugie con le gambe lunghe (1947), La grande magia (1948), Le voci di dentro (1948), La paura numero uno (1951), Mia famiglia (1953), Bene mio, core mio (1956), Sabato, domenica e lunedì (1959), Il sindaco del rione Sanità (1960), L’arte della commedia (1964), Il contratto (1967), Il monumento (1970), Gli esami non finiscono mai (1973); nel 1954 inaugurò a Napoli il teatro San Ferdinando, distrutto dalla guerra e ricostruito a sue spese per far rivivere a Napoli le tradizioni del teatro napoletano. Nel 1972 ottenne il premio internazionale Feltrinelli per il teatro; nel 1981 venne nominato senatore a vita.

 

Risultati immagini per SAN GIULIANO DI PUGLIA31/10/2002 – Una potente scossa di magnitudo 5.4 della Scala Richter, alle ore 11,32, provoca il crollo della scuola elementare di San Giuliano di Puglia uccidendo 27 bambini e una maestra; altre due donne, residenti nello stesso paese, restano uccise dalle macerie delle proprie abitazioni. I soccorsi sono inizialmente prestati da volontari del posto e quindi dal Corpo Forestale dello Stato, dai Vigili del Fuoco, dall’Esercito, dai volontari della Croce Rossa Italiana e della Misericordia. L’alto numero di vittime, soprattutto minori, della Scuola fece scattare subito le indagini volte a stabilire le responsabilità del crollo dell’edifico, ristrutturato di recente. Il 28 Gennaio 2010 la Corte di Cassazione ha stabilito pene tra i due ed i sette anni per cinque imputati – due costruttori, il sindaco, un tecnico comunale ed il progettista – chiudendo così la vicenda giudiziaria. La Scuola è stata poi ricostruita ed in tutta Italia sono stati varati interventi legislativi volti a stabilire quali siano gli edifici pubblici che debbano essere sottoposti ad interventi di adeguamento alle norme antisismiche.