ACCADDE OGGI – 08/01/2019

ACCADDE OGGI – 08/01/2019

8 Gennaio 2019 0 Di Delfino Sgrosso

Risultati immagini per WOODROW WILSON DISCORSO QUATTORDICI PUNTI08/01/1918 – Il presidente statunitense Woodrow Wilson pronuncia il discorso noto come “I quattordici punti” davanti al Congresso riunito in sessione congiunta.

Il discorso conteneva i propositi di Wilson stesso in merito all’ordine globale seguente la prima guerra mondiale, basati appunto su quattordici principi di base. In un quadro generale nel quale gli Stati Uniti, protetti dalla vastità di due oceani e già all’epoca prima potenza economica mondiale, si delineavano come unica potenza rimasta di fatto immune dalla catastrofe della guerra, Wilson intendeva promuovere una “pace senza vincitori”, poiché era convinto che una pace imposta con la forza ai vinti avrebbe contenuto in sé gli elementi di un’altra guerra. Doveva trattarsi di una pace basata sull’eguaglianza delle nazioni, sull’autogoverno dei popoli, sulla libertà dei mari, su una riduzione generalizzata degli armamenti.

La diplomazia “segreta” doveva essere abbandonata. Gli accordi segreti tra potenze avevano infatti caratterizzato buona parte dei passaggi chiave della politica estera negli ultimi decenni; tale stato di cose – noto ai governi, ma ignoto alla pubblica opinione – era stato clamorosamente smascherato poco prima dai bolscevichi i quali, appena giunti al potere in Russia, avevano pubblicato i patti segreti intercorsi tra lo zar deposto e altre potenze dell’Intesa – tra i quali il “Patto di Londra” – nei quali era «prefigurato il futuro dell’Europa e del Medio Oriente con una stupefacente mancanza di riguardo per i desideri o addirittura per gli interessi delle popolazioni delle varie regioni».

Il “principio di nazionalità” – noto anche con il nome di “principio di autodeterminazione dei popoli” – fu la base per la costruzione dell’Europa democratica e degli Stati nazionali. Tali princìpi furono applicati soprattutto all’Europa orientale e al Medio oriente, per riempire il vuoto lasciato dal crollo simultaneo dei tre grandi imperi multi-etnici (quello Russo, quello Asburgico e quello Ottomano), in un processo che può essersi ritenuto concluso solo con la dissoluzione dell’ex Jugoslavia. Tuttavia, data la complessità etnica del continente, esso fu anche impropriamente utilizzato come pretesto per vere e proprie pulizie etniche e per la preparazione di nuove guerre, come la Seconda guerra mondiale e i conflitti che hanno insanguinato il Medio oriente, nel corso del XX secolo.

I quattordici punti riprendevano molto da una commissione (The Inquiry) creata da Wilson con capo il giovane giornalista progressista Lippmann.

 

Risultati immagini per elvis presley08/01/1935 – Nasce a Tupelo, negli Stati Uniti, il cantante, attore e musicista statunitense Elvis Aaron Presley.

La sua infanzia è povera e difficile: a soli sei anni – narra la leggenda – Elvis spasima per una bicicletta che purtroppo (o per fortuna) è molto cara, così la madre Gladys decide di regalargli per il suo compleanno una chitarra trovata in un negozio dell’usato del valore di 12 dollari e 95 centesimi. Questo gesto fa nascere in Elvis la passione per la sei corde e per la musica tanto da rimanere ore ed ore ad ascoltare i gospel e gli spiritual cantati nella chiesetta vicino casa. A 13 anni si trasferisce con la famiglia a Memphis dove frequenta l’area di maggior cultura nera della città. Nessuno però scommette un centesimo sull’avvenire del giovane ragazzo che comincia a lavorare come camionista ostentando un enorme ciuffo imbrillantinato sulla fronte. Negli Stati Uniti qualcosa sta per accadere, il conformismo e la moralità delle vecchie generazioni cominciano a scricchiolare, niente di meglio per un giovane bianco che propone musica ed eccentricità da nero.

Sam Phillips, della Sun Records, ascolta un brano di Elvis in un sottoscala e ne rimane folgorato; sborsa 4 dollari e firma il primo contratto con Presley: un piccolo investimento per una vera gallina dalle uova d’oro. I primi brani lo dimostreranno subito. Agli inizi della sua carriera, il 3 aprile 1956, Elvis prende parte ad uno degli spettacoli TV più visti, il Milton Berle Show; 40 milioni di spettatori assistono entusiasti alle sue esibizioni, ma i milioni sono davvero molti per quanto riguarda i suoi guadagni e per le dimensioni di vendita dei suoi dischi. Anche il cinema si occupa di Elvis: arriverà a girare 33 film. Il primo lanciò anche la memorabile “Love me tender” che fece amare Presley per la sua voce profonda e terribilmente romantica. Elvis “the Pelvis”, come lo chiamavano i suoi fans a proposito dei suoi piroettanti movimenti del bacino, all’apice della sua carriera sembrava un mito intramontabile: ovunque ragazzine in delirio pronte a lanciare gridolini isterici e indumenti intimi; le cronache di quegli anni narrano di una polizia in perenne difficoltà per garantire l’incolumità di Elvis dopo ogni concerto fino a permettergli di tornare sano e salvo nella sua Graceland, un edificio coloniale a Memphis circondato da un grande parco. Da una vecchia chiesetta sconsacrata Graceland è stata trasformata nella sua reggia: gli architetti con qualche milione di dollari hanno creato un palazzo reale, degno di un re, tutt’oggi splendida meta turistica.

Elvis non nascose mai il suo lato più ingenuo di fanciullo mai cresciuto, tanto che un giorno disse: “da bambino ero un sognatore; leggevo un fumetto e diventavo l’eroe di quel fumetto, vedevo un film e diventavo l’eroe di quel film; ogni cosa che ho sognato è diventata 100 volte più vera“. Il 24 marzo del 1958 viene arruolato e destinato in un centro d’addestramento in Texas con il numero di matricola US53310761; un servizio militare anomalo, sotto la costante presenza di giornalisti, fotografi e giovani fans che assediano ogni sua libera uscita; si congeda il 5 marzo 1960, torna sul palco e duetta con Frank Sinatra al “Welcome Home Elvis”. La morte della madre Gladys è un brutto colpo per l’equilibrio emotivo: il forte legame troncato bruscamente diventa causa di malesseri e stati d’ansia. Ma il Re è tutt’altro che sconfitto; un giorno incontra una ragazzina 14enne, Priscilla figlia di un capitano dell’aviazione statunitense aggregato alle forze della NATO stanziate in Germania; un colpo di fulmine che il 1 maggio 1967 diventa un matrimonio. Esattamente 9 mesi dopo, il 1 febbraio 1968, nasce Lisa Marie (che sposerà il re del pop, Michael Jackson).

Dopo otto anni di assenza dalle scene nel 1968 Elvis torna protagonista di concerti live con lo spettacolo ” Elvis the special Comeback”: torna vestito di pelle nera con lo stesso carisma e la stessa energia che hanno caratterizzato e catturato le generazioni durante il decennio precedente. Nel 1973 entra nella storia della televisione e dello spettacolo, con “Aloha from Hawaii via satellite”, uno special che trasmesso in 40 paesi raggiunge più di un miliardo di spettatori.

Il 12 febbraio 1977, inizia una nuova tournée che si conclude il 26 giugno. Deciso a prendersi un periodo di riposo, torna nella sua casa a Memphis. È un giorno di piena estate quando viene ricoverato d’urgenza al Baptist Memorial Hospital; i medici lo dichiarano morto per aritmia cardiaca: sono le 15:30 del 16 agosto 1977. Come per tantissimi personaggi all’apice del successo stroncati da una morte improvvisa, immediatamente circola una domanda: ma Elvis è veramente morto? Sono in molti ad avere questo dubbio; così capita che la leggenda ogni tanto segnali la presenza di un tranquillo pensionato molto simile a Elvis a New York, a Los Angeles piuttosto che su una spiaggia caraibica.

Sicuramente Elvis non è morto per chi lo ha tanto amato e continua a renderlo l’uomo dello spettacolo che guadagna di più; in una speciale classifica dedicata ai guadagni post-mortem, Elvis stacca personaggi del calibro di Bob Marley, Marilyn Monroe e John Lennon. Solo nel 2001 Elvis Presley ha guadagnato 37 milioni di dollari. Di Elvis, Bob Dylan ha detto: “La prima volta che ascoltai Elvis mi fece sentire come se finalmente fossi riuscito ad evadere da una prigione, ma la cosa veramente curiosa è che in vita mia non ero mai stato messo in una prigione“. Oggi i tributi dedicati ad Elvis Presley sono innumerevoli e, come si addice ad un vero mito, si può star certi che la sua leggenda non morirà mai.

 

Risultati immagini per david bowie08/01/1947 – Nasce a Londra il cantautore, attore e pittore britannico David Bowie.

Nato come David Robert Jones, incide il primo disco nel 1964 e vive per tre anni nel giro dei piccoli gruppi R&B. La popolarità arriva, inaspettata, col singolo “Space Oddity”, canzone di fantascienza dall’arrangiamento vagamente psichedelico. La sua vera carriera inizia con l’album “Hunky dory” del 1971 (undici mesi prima c’era stato “The man who sold the world” ma l’anno del trionfo è il successivo, quello dell’album “Ziggy Stardust”, costellato da brani come “Rock’n’roll suicide”, “Starman”, “Suffragette city” o “Five years”). In Gran Bretagna l’album arriva al quinto posto delle classifiche. “Aladdin sane” (aprile 1973) è invece album di transizione, giudicato da alcuni un po’ sottotono anche se impreziosito da brani come “Panic in Detroit”, “The Jean genie” e la splendida “Time”.

Nello stesso anno esce anche “Pin-ups”, un album di covers. Nel maggio 1974 il primo dei cambiamenti, quello dell’epico “Diamond dogs”, album futuribile e decadente, punteggiato da apocalittiche visioni post-nucleari e ispirato al romanzo “1984” di George Orwell. Memorabili la title-track, “Rebel rebel”, “Rock’n’roll with me” e “1984”. Dopo un “David live”, Bowie passa nel maggio 1975 a “Young Americans”, altro cambiamento. E un altro ancora, con l’epico “Low”, lo aspetta nel gennaio 1977. A metà del periodo d’oro del punk (estate 1976 – estate 1977) David Bowie esce infatti con un album elettronico, cupo, registrato a Berlino, fratturato, ambientale prima che il termine diventasse in uso vent’anni dopo. “Low”, a detta della critica più accreditata, rimane forse il suo ultimo lavoro d’importanza centrale con canzoni come “Be my wife”, “Speed of life” o “Always crashing in the same car” a fare da colonne portanti. Il difficile lavoro, non certo alla portata di tutte le orecchie, guadagna comunque il secondo posto in Inghilterra. Il successivo “Heroes”, giocato sulle stesse atmosfere ma meno claustrofobico, è un grande successo.

Ormai è considerato un maestro del genere e un nome sicuro su cui puntare per ottenere successi con il marchio della qualità. Anche se alcuni suoi lavori successivi (ad esempio “Let’s dance”) venderanno ancora meglio di “Heroes”, la parabola discendente è, secondo alcuni (fra cui si contano i fan più incalliti), ormai tracciata. La svolta di Bowie verso la dance, verso la musica commerciale, vista come il fumo negli occhi dai fan storici, sembra irreversibile. La parentesi “Tin machine”, ovvero il gruppo in cui Dave Jones dichiara di volersi esibire per tutta la vita, esordisce in maniera promettente, ma viene archiviata circa tre anni dopo. “Earthling”, con deviazioni “jungle” e suoni di tendenza, pur con buone recensioni fallisce il tentativo di riportarlo tra gli artisti più apprezzati dal pubblico. Il decennio discografico si conclude positivamente con l’album “Hours”, un rassicurante ritorno alla canzone nel suo stile più classico. Il nuovo millennio è rappresentato invece da “Heathen”, lavoro del 2002 del “Duca bianco” (così viene chiamato spesso il cantante, per via del suo portamento elegante e distaccato).

Il poliedrico David Bowie si è inoltre distinto per le sue positive partecipazioni in diverse opere cinematografiche, come ad esempio “L’ ultima tentazione di Cristo” (1988) del maestro Martin Scorsese, con Willem Dafoe e Harvey Keitel. Nel 2006 recita nel film di Christopher Nolan “The Prestige” (con Hugh Jackman, Christian Bale, Michael Caine e Scarlett Johansson) interpretando Nikola Tesla. Ma non sono da dimenticare anche “L’uomo che cadde sulla Terra” (il suo primo film, del 1976), “Tutto in una notte” (1985, di John Landis), “Labyrinth” (1986), “Basquiat” (di Julian Schnabel, 1996, sulla vita di Jean-Michel Basquiat), “Il mio West” (dell’italiano Giovanni Veronesi, 1998), e il cameo in “Zoolander” (di Ben Stiller, 2001). Bowie ha positivamente sconvolto gli anni ’70, è sopravvissuto alla parentesi fatta di look degli anni ’80, ma nei ’90 ha trovato un decennio ostile nei suoi confronti. Negli decenni successivi pubblica tre dischi: “Heathen” (2002), “Reality” (2003), “The Next Day” (2013).

Nel gennaio del 2016 esce il suo ultimo disco dal titolo “Blackstar”. Malato di cancro da oltre 18 mesi, muore a New York il 10 gennaio 2016, pochi giorni dopo aver compiuto 69 anni. Figura carismatica e poliedrica, trasformista e provocatoria, David Bowie è stato unico non solo in senso strettamente musicale, ma anche per il modo di proporsi sul palco, per l’uso della teatralità e dell’artificio e per l’abilità di mescolare influenze musicali, visive e narrative molto diverse: dal teatro giapponese ai fumetti, dalla fantascienza al mimo, dal cabaret a Burroughs.