ACCADDE OGGI  – 03/12/2018

ACCADDE OGGI – 03/12/2018

3 Dicembre 2018 0 Di Delfino Sgrosso

Risultati immagini per torino fc03/12/1906 – Viene fondato il Torino Football Club.

Il Torino F.C. è una società calcistica italiana con sede nella città di Torino. Il club odierno, rifondato nel 2005, è la continuazione dello storico sodalizio sorto nel 1906 dalla fusione tra il Football Club Torinese e soci dissidenti del Foot-Ball Club Juventus, e denominato Foot Ball Club Torino sino al 1936, Associazione Calcio Torino fino al 1943, dal 1945 al 1958 e ancora dal 1959 al 1977, Torino FIAT nel 1944, Associazione Calcio Talmone Torino nel 1958-59 e Torino Calcio dal 1977 al 2005. Milita nel campionato di Serie A. Il Toro, com’è colloquialmente abbreviato, è tra i club più blasonati d’Italia. Vanta la conquista di 7 campionati italiani compresa una striscia di 5 titoli consecutivi all’epoca del Grande Torino, quest’ultima riconosciuta come una delle squadre più forti degli anni 1940.

Nel suo palmarès nazionale figurano, altresì, 5 Coppe Italia, mentre in ambito internazionale si segnala la vittoria della Coppa Mitropa nel 1991; la finale di Coppa UEFA che disputò nell’edizione 1991-92, inoltre, è il maggior risultato raggiunto in una competizione UEFA dalla società. Prima squadra italiana riuscita a centrare un double nazionale nella stagione 1942-43, al 2018 il Torino occupa il 95º posto del ranking UEFA, l’8º nella classifica perpetua della Serie A e il 5º nella tradizione sportiva FIGC.

 

Risultati immagini per barnard trapianto di cuore03/12/1967 – A Città del Capo, in Sudafrica, viene effettuato il primo trapianto di cuore su un essere umano, ad opera del chirurgo sudafricano Christiaan Barnard.

Il 3 dicembre del 1967, a Città del Capo, in un incidente d’auto perde la vita la signora Myrtle Ann Darvall, mentre la figlia Denise, una ragazza di 25 anni, ha le ore contate, a causa delle ferite riportate. In cura all’Ospedale Groote Schuur c’era in quel periodo uno sportivo lituano di 54 anni, Louis Washkansky, che soffriva di diabete e di un inguaribile male cardiaco. Barnard parla con il padre di Denise, che dà il suo consenso per il trapianto. L’operazione è condotta dal chirurgo Christiaan Barnard, assistito dal fratello Marius e un team di una trentina di persone. Dopo 9 ore in sala chirurgica il cuore della defunta Denise Darvall viene impiantato nel corpo di Washkansky e funziona regolarmente.

La sensazionale notizia fa il giro del mondo in poche ore: Barnard diventa l’uomo del momento. Passato l’entusiasmo, il problema del trapianto diventa l’eventuale rigetto. Dopo una settimana in cui le condizioni di Washkansky sembrano buone, il 9 dicembre i globuli bianchi nel sangue diminuiscono, il 15 la diagnosi: polmonite bilaterale, indotta dai farmaci immunosoppressivi che stava assumendo il paziente. Tra il 16 e il 20 dicembre le condizioni di Washkansky si fanno gravissime, la polmonite non è guaribile. La notte del 21 dicembre 1967 Washkansky muore, diciotto giorni dopo il trapianto.

Nonostante il primo paziente con il cuore di un altro essere umano sia sopravvissuto poco più di due settimane, l’operazione di Barnard costituisce senza dubbio una pietra miliare per la chirurgia.

 

Risultati immagini per joseph conrad03/12/1857 – Nasce a Berdyciv, nell’odierna Ucraina ma all’epoca in Polonia, lo scrittore e navigatore polacco naturalizzato britannico Joseph Conrad (pseudonimo di Teodor Jòzef Konrad Korzeniowski).

La sua famiglia apparteneva alla nobiltà terriera della Polonia, a quel tempo sotto il dominio russo. Il padre, patriota e uomo di lettere, muore nel 1867 , dopo molti anni di esilio politico (la madre era già morta nel 1865). Affidato alla tutela di uno zio, il giovane Conrad compie gli studi secondari a Cracovia. A soli diciassette anni, spinto da un’irresistibile vocazione per la vita di mare, parte per Marsiglia, dove s’imbarca come semplice marinaio. Navigare significa per lui conoscere soprattutto il mondo marinaresco che si identificava anche in traffici, contrabbando, uomini che si imbarcavano per sfuggire a chissà quale colpa. Significava insomma incontrare mondi che stavano, non solo geograficamente, agli antipodi dell’Europa civile. Dopo lunga esperienza serve nella marina mercantile francese e, dal 1878, in quella britannica, dove raggiunge il grado di capitano di lungo corso.

Nel 1886 diventa cittadino inglese. Per vent’anni viaggia per quasi tutti i mari, ma soprattutto nell’arcipelago malese. L’attenzione ottenuta dal suo primo romanzo “La follia di Almayer”, e l’incoraggiamento di alcuni scrittori (Galsworthy, Wells, Ford Madox Ford, Edward Gamett) lo inducono, lasciata la marina e stabilitosi in Inghilterra, a dedicarsi interamente all’attività letteraria. Caso più unico che raro, Conrad diviene un maestro della letteratura scrivendo in una lingua non sua, appresa quando era già un uomo fatto. Il suo tema fondamentale è la solitudine dell’individuo, in balìa dei ciechi colpi del caso di cui il mare è spesso eletto a simbolo.

L’eroe solitario di Joseph Conrad è quasi sempre un fuggiasco o un reietto, segnato dalla sventura o dal rimorso, stretto parente dell’angelo caduto caro ai romantici, che conquista la sua identità affrontando con stoicismo le prove che il destino gli ha riservato. Tra i suoi tanti capolavori, ricordiamo “Un reietto delle isole” (1894), “Il negro del Narciso” (1896), “Gioventù” (1898), “Cuore di tenebra” (una forte denuncia del colonialismo e un romanzo che ha costituito il canovaccio per il film di Francis Ford Coppola “Apocalipse Now”), “Tifone” e “Lord Jim” (1900). In questi lavori Conrad sonda gli stadi evolutivi dell’inconscio che a tratti sembrano anticipare la tecnica dello “stream of consciousness” che poi Virginia Woolf e James Joyce trasformeranno in genere letterario. Dopo altre diverse pubblicazioni, ottiene un buon successo con “La linea d’ombra” (1917), altro capolavoro assoluto, divenuto l’emblema della difficoltà di crescere e di ciò che questo passaggio comporta.

Irripetibile scrittore, sondatore come pochi dell’animo umano, Joseph Conrad muore per attacco cardiaco il 3 agosto 1924, a Bishopsboume Kent (Ucraina).