ACCADDE OGGI – 02/01/2019

ACCADDE OGGI – 02/01/2019

2 Gennaio 2019 0 Di Delfino Sgrosso

Risultati immagini per isaac asimov02/01/1920 – Nasce a Petrovichi, vicino a Smolensk, nella odierna Russia lo scrittore e biochimico russo naturalizzato statunitense Isaac Asimov.

Nel 1923 la famiglia si trasferisce negli States, a New York, dove in seguito Isaac compirà gli studi. Il padre acquista nel 1926 un negozio di dolciumi nel quartiere di Brooklyn e qui, oltre che in altri negozi acquistati in seguito, il piccolo Isaac passa gran parte della sua infanzia. Le doti straordinarie del bambino prodigio emergono da subito. Basti pensare, ad esempio, che a soli cinque anni impara a leggere da solo (quasi come Leopardi) e che da quel momento in poi non smetterà più di leggere libri e di studiare. Leggendarie, in questo senso, sono le sue frequentazioni assidue alle biblioteche nazionali, sua unica fonte di “sostentamento” intellettivo nei primi anni della sua vita e per molto tempo ancora, poi. La passione per la fantascienza lo contagia nel 1929 quando nel negozio del padre (a quei tempi i candy stores americani non vendevano soltanto dolciumi, ma anche giornali e riviste) scopre le riviste di “Science Fiction”, di cui diviene subito un assiduo lettore.

Le promesse vengono ampiamente mantenute e il padre non potrà che essere orgoglioso di un figlio che prima si laurea in Chimica alla Columbia University di New York, (Bachelor of Science Degree, 1939) e che poi, non contento, si laurea anche in Filosofia (Master of Arts, 1941). Dopo l’entrata in guerra degli USA, Isaac Asimov lavora come chimico presso la U.S. Navy Yard a Philadelphia. Tra il 1949 e il 1958 è professore alla Boston University School of Medicine. Successivamente, grazie al successo delle sue opere, abbandona l’attività accademica e diventa uno scrittore a tempo pieno, dando così vita alla sua produzione sterminata, frutto della sua vena che definire prolifica sarebbe davvero riduttivo. Di fatto Isaac Asimov è unanimemente considerato uno dei maggiori scrittori di fantascienza di tutti i tempi. La sua fortuna è dovuta al felice connubio tra invenzione letteraria e verità scientifica che riesce a rendere i suoi libri verosimili e fantastici insieme, veri specchi di un futuro possibile. Nell’ambiente letterario è nota la sua fine vena satirica e ironica, che si può riscontrare anche in alcune sue opere, soprattutto nelle prefazioni.

Conosciutissimi, in Italia come nel resto del pianeta, sono, tra i libri di Asimov, quelli appartenenti al ciclo sul futuro della robotica (Io, Robot; Il secondo libro dei Robot) e al ciclo di “Foundation” (tradotti con i titoli di “Cronache della galassia”, “Il crollo della galassia centrale” e “L’altra faccia della spirale”). Isaac Asimov muore il 6 aprile 1992 in seguito a delle complicazioni nel sistema cardiovascolare, gettando nello sconcerto migliaia di appassionati in tutto il mondo. Nel 2002, la seconda moglie, Janet Jeppson, rivela che la morte di Asimov era stata provocata dall’Aids, malattia che aveva contratto nel 1983 durante una trasfusione di sangue. Non sarebbe stato lo scrittore a voler mantenere il segreto, quanto più probabilmente l’ospedale, per evitare uno scandalo.

 

Risultati immagini per FAUSTO COPPI02/01/1960 – Muore a Tortona, in provincia di Alessandria, il ciclista Fausto Coppi.

Nato a Castellania, in provincia di Alessandria, il 15 settembre 1919 in una famiglia di modeste origini, Fausto Angelo Coppi (questo il suo nome per esteso) trascorre la vita a Novi Ligure, prima in viale Rimembranza, poi a Villa Carla sulla strada per Serravalle. Poco più che adolescente è costretto a trovarsi un lavoro come garzone di salumeria. Ragazzo a modo ed educato, è subito apprezzato per la sua dedizione, il suo fare introverso e la sua naturale gentilezza. Per hobby scorrazza qua e là su di una rudimentale bicicletta regalatagli dallo zio. Si distende dal lavoro con lunghe scampagnate, dove si inebria al contatto con l’aria aperta e la natura. Nel luglio 1937 disputa la sua prima corsa. Il tracciato non è facile, anche se si svolge tutto in prevalenza da un paese di provincia all’altro. Purtroppo a metà gara è costretto a ritirarsi poiché una gomma si sgonfia inaspettatamente. Gli inizi non sono quindi promettenti, malgrado il ritiro sia da attribuire al caso e alla sfortuna più che alle doti atletiche del giovane Fausto.

Mentre Coppi pensa al ciclismo, scoppia la seconda guerra mondiale. Militare a Tortona, Caporale della terza squadra di un plotone inquadrato nella compagnia agli ordini di Fausto Bidone, viene fatto prigioniero degli inglesi in Africa, a Capo Bon. Il 17 maggio 1943 viene internato a Megez el Bab e poi trasferito al campo di concentramento di Blida, nei pressi di Algeri. Fortunatamente esce incolume da questa esperienza e, una volta tornato a casa, ha modo di riprendere i suoi allenamenti in bicicletta. Il 22 novembre 1945, a Sestri Ponente, si unisce in matrimonio con Bruna Ciampolini, che gli darà Marina, la prima dei suoi figli (Faustino, nascerà in seguito alla scandalosa relazione con la Dama Bianca).

Poco dopo, qualche osservatore, convintosi del suo talento, lo chiama alla Legnano, che diventa di fatto la prima squadra professionistica a cui prende parte. In seguito difenderà i colori delle seguenti squadre: Bianchi, Carpano, Tricofilina (alle ultime due abbinò il proprio nome). Alla fine del 1959 si lega alla S. Pellegrino. Al primo anno di professionismo, arrivando con 3’45” di vantaggio nella tappa Firenze-Modena del Giro d’Italia, conquista una vittoria che gli consente di smentire le previsioni generali che volevano Gino Bartali vincitore della corsa rosa. A Milano in rosa giunse infatti lui, Fausto Angelo Coppi. Alcune delle altre cavalcate solitarie che fecero scorrere fiumi d’inchiostro furono: quella di 192 Km nella tappa Cuneo-Pinerolo del Giro d’Italia del 1949 (vantaggio 11’52”), quella di 170 Km del Giro del Veneto (vantaggio 8′) e quella di 147 Km della Milano-Sanremo del ’46 (vantaggio 14′). Il Campionissimo del ciclismo, vinse 110 corse di cui 53 per distacco.

Il suo arrivo solitario sui grandi traguardi era annunciato con una frase, coniata da Mario Ferretti in una famosa radiocronaca dell’epoca: “Un uomo solo al comando!” (a cui Ferretti aveva aggiunto: “[…], la sua maglia è biancoceleste, il suo nome Fausto Coppi!”). Il grande ciclista si aggiudicò due volte il Tour de France nel 1949 e nel 1952 e cinque volte il Giro d’Italia (1940, 1947, 1949, 1952 e 1953) ed entrò nella storia per essere uno dei pochi ciclisti al mondo (tra cui ricordiamo anche Marco Pantani, 1998) ad aver vinto Giro e Tour nello stesso anno. Al suo attivo vi furono tre volte la Milano-Sanremo (1946, 1948, 1949), cinque Giri di Lombardia (1946-1949, 1954), due Gran premi delle Nazioni (1946, 1947), una Parigi-Roubaix (1950) e una Freccia vallone (1950).

Fausto Coppi morì il 2 gennaio 1960 per una malaria contratta durante un viaggio in Alto Volta (odierno Burkina Faso, in Africa) e non diagnosticata in tempo, che gli stroncò la vita a soli 41 anni. La sua storia di ciclista, caratterizzata dalla rivalità-alleanza con Gino Bartali, e le vicende della vita privata, segnata dalla relazione segreta con la “Dama Bianca” (al secolo Giulia Occhini, relazione che causò enorme scandalo nell’Italia post bellica), hanno fatto del leggendario ciclista una figura che, ben al di là del fatto sportivo, può dirsi veramente rappresentativa dell’Italia degli anni ’50.

 

Risultati immagini per renato rascel02/01/1991 – Muore a Roma l’attore, comico, cantautore e ballerino Renato Ranucci, meglio noto come Renato Rascel.

Nato a Torino nel 1912 da genitori artisti, cresce a Roma affidato alle cure di una zia. Proprio per il lavoro svolto dai genitori, Rascel si ritrova sin da piccolo a calcare i palcoscenici di compagnie filodrammatiche e teatrali, senza trascurare generi più “nobili” come il coro di voci bianche allestito dal compositore don Lorenzo Perosi. Dotato di una carica umana non indifferente e di una simpatia travolgente, fa le sue prime esperienze importanti poco più che adolescente. Suona la batteria, balla il tip-tap e, appena diciottenne, prende parte al trio delle sorelle Di Fiorenza come cantante e ballerino. Nel 1934 viene notato dagli Schwartz e debutta, come Sigismondo, in “Al Cavallino bianco”. Poi torna con le Di Fiorenza, e poi con Elena Gray e parte per una tournée in Africa.

A partire dal 1941 fonda una compagnia propria, insieme a Tina De Mola, allora sua moglie, con testi di Nelli e Mangini, di Galdieri e infine di Garinei e Giovannini. Grazie a queste esperienze ha la possibilità di mettere a punto un suo personaggio caratteristico, quello per cui sarà di fatto riconosciuto dal pubblico in modo infallibile. Si tratta della macchietta del piccoletto mite e distratto, stralunato e quasi inadatto a stare al mondo. Elabora sketch e canzoni che sono autentici capolavori del genere della Rivista, in compagnia di sodali e amici rimasti poi nel tempo (su tutti, Marisa Merlini, e gli immancabili autori Garinei e Giovannini). Nel 1952 è la volta di uno spettacolo che otterrà un clamoroso successo e che lo conferma una volta di più beniamino del pubblico. Si tratta di “Attanasio cavallo vanesio”, a cui farà seguito “Alvaro piuttosto corsaro” altro successo travolgente. Sono spettacoli che vanno in scena in un’Italia segnata dalla fine dell’ultima guerra mondiale, vogliosa di svago e di divertimento ma che non dimentica gli episodi amari e il sarcasmo. Rascel continua sulla stessa strada, sfornando titoli con continuità, tutti segnati dal suo stile raffinato e candido.

Eccolo applaudito in “Tobia la candida spia” (i testi continuano a essere di Garinei e Giovannini), “Un paio d’ali” (uno dei sui maggiori successi in senso assoluto) e, nel 1961, “Enrico” studiato con i soliti fidati autori per celebrare il centenario dell’unità d’Italia. Da segnalare, ad ogni modo, che i rapporti di Rascel con Garinei e Giovannini, al di là delle apparenze e della solida stima, non sono mai stai propriamente idilliaci. Per quanto riguarda il cinema, l’attività di Rascel prende il via nel 1942 con “Pazzo d’amore”, per proseguire in tutti gli anni ’50 con una serie di titoli non proprio memorabili. In queste pellicole, infatti, l’attore tende a ripercorrere pedissequamente gli sketch e le macchiette applaudite a teatro, senza un vero sforzo inventivo e senza tener conto delle peculiarità del nuovo e diverso mezzo di comunicazione. Fanno eccezione “Il cappotto” (tratto da Gogol’), non a caso girato sotto la regia di Alberto Lattuada o “Policarpo ufficiale di scrittura”, diretto da un altro mostro sacro del macchina da presa (nonché della letteratura), Mario Soldati.

Da segnalare la grande interpretazione di Rascel nei panni del cieco Bartimeo nel “Gesù di Nazareth” di Zeffirelli. Si è trattato di un “cammeo” reso da Rascel con tono estremamente drammatico e commovente senza essere patetico. Una curiosità derivata da tale partecipazione è rappresentata dal fatto che nelle piscine di Lourdes è ora effigiata in un mosaico proprio quella scena, utilizzando come modelli l’attore americano Powell (che nel film era Gesù), e proprio Rascel nei panni del cieco. Infine, l’attività musicale. Rascel ha scritto moltissime canzoni, alcune della quali sono entrate di diritto nel repertorio popolare e hanno avuto diffusione in tutto il mondo. Fra i molti titoli, “Arrivederci Roma”, “Romantica”, “Te voglio bene tanto tanto”, “E’ arrivata la bufera” ecc. Infiniti i programmi alla radio che sarebbe lunghissimo ricordare. Per la televisione invece ha interpretato “I Boulingrin” di Courteline e “Delirio a due” di Ionesco e nel ’70, sempre in tv, “I racconti di padre Brown” da Chesterton. Inoltre ha scritto le musiche per l’operetta “Naples au baiser de feu”.

Anticipatore della comicità surreale, Rascel ha rappresentato il versante nobilmente popolare della commedia, capace di piacere a tutti senza mai cadere nella volgarità o nel facile qualunquismo. E’ uno dei monumenti del teatro leggero italiano, purtroppo oggi un po’ dimenticato. Nella sua lunghissima carriera ha spaziato dall’avanspettacolo alla rivista, dalla commedia musicale, all’intrattenimento televisivo e radiofonico, coprendo in pratica tutti i settori che lo spettacolo ha mutevolmente occupato nell’arco di quasi un secolo.