25 ANNI DOPO LA MORTE DI CAMPANELLO, L’AMICO IOVINE: «ERO STATO VICINO A SCOPRIRE LA VERITA’»

25 ANNI DOPO LA MORTE DI CAMPANELLO, L’AMICO IOVINE: «ERO STATO VICINO A SCOPRIRE LA VERITA’»

26 Maggio 2018 0 Di La redazione

Parla Berardino Iovine, agente penitenziario amico di Pasquale Campanello: «Il mio cruccio è stato non riuscire a scoprire la verità su chi furono i mandanti. Ma ci sono andato vicino. L’ordine partì dal padigione di Poggioreale». Il ricordo raccolto dalla trasmissione “Aspettando Durlindana” nella settimana in cui l’Italia celebra il giorno della Legalità ricordando Capaci. Un anno dopo moriva Campanello, ucciso da una raffica di colpi esplosi da un commando che lo attendeva nel rientro a casa.

omicidio campanello