VALLE CAUDINA, LENGUA E PISANO IN PREFETTURA: “LE NOSTRE COMUNITA’ SONO DISORIENTATE E SPAVENTATE”

VALLE CAUDINA, LENGUA E PISANO IN PREFETTURA: “LE NOSTRE COMUNITA’ SONO DISORIENTATE E SPAVENTATE”

21 Febbraio 2022 0 Di La redazione

Dopo gli episodi di cronaca che si sono verificati in Valle Caudina nel giro di una settimana (prima l’agguato a San martino Valle Caudina, poi l’omicidio di Cervinara) stamane in Prefettura si è riunito il Comitato provinciale per l’ordine e  sicurezza pubblica. Presenti al tavolo il Prefetto Spena, il sottosegretario On. Sibilia,
il Dott. Melillo, procuratore della repubblica presso il tribunale Napoli, la dott.ssa Volpe (procuratore aggiunto Dda di Napoli), il dott. Airoma, procuratore della repubblica presso il tribunale Avellino, il dott. De Salvo capo centro DIA, Questore Terrazzi, comandante provinciale carabinieri Bramati, comandante provinciale GdF, Minale. Ala tavolo di confronto i sindaci dei rispettivi comuni in cui sono avvenuti i fatti di sangue Caterina Lengua e Pasquale Pisano sindaco di San Martino Valle Caudina.  Entrambi i primi cittadini parlano di  parlano di “comunità disorientate”. “Si vivono ore di paura e tensione”,  spiegano Pisano e Lengua ai nostri microfoni. Soprattutto il primo cittadino di Cervinara  sottolinea l’importanza del sistema di video sorveglianza che ha permesso alle forze dell’ordine anche di ricostruire la dinamica dell’accaduto e che qualche settimana fa era stato implementato. Entrambi prima di salire in Prefettura hanno insistito sulla necessità di avere più controlli e monitoraggi più costanti sul territori,  rassicurazione  già avuta da Spena. Saranno rafforzati i presidi.